Creative Gathering

16 novembre 2016



Qualche volta ricordo i primi post. La semplicità con cui fluivano. La leggerezza. Ricordo i pomeriggi in giro con le amiche con la macchina fotografica al collo, il primo 50mm e la gioia  di fermare una immagine proprio come la sentivo. Quanta autenticità in quella semplice condivisione. Il blog insegnava la sincerità : non esistevano set o shooting , c'era soltanto la gran voglia di vivere esperienze (il più belle possibile) e la gioia di raccontarle. 

E come quando mangi la pomarola della mamma e ti tornano in mente tutte le pomarole della tua vita da bambina così quando vado da Giulia io risento quel vortice di emozioni dimenticate, il far le foto per fermare, il cucinare per mangiare, il raccontare per poi ascoltare. 

Di lei e del suo studio non vorrei perdere niente ma vorrei ricordar di più per questo la mia giornata al suo Creative Gathering non può proprio mancare in queste pagine che me l'hanno fatta incontrare.


 Grazie Giulia 
Grazie Regula
Grazie Sarka
un post dedicato "alla vecchia maniera"





















11 commenti:

  1. bellissimo post come sempre. invidio tutti quei bei libri sullo sfondo e quell'arrosto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saprei cosa scegliere tra libri e arrosto :)

      Elimina
  2. le vecchie maniere...mi piacciono sempre!
    Un bacione a te!
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Tiziana che bello " trovarti "

      Elimina
  3. I love this so much!! Bella!! Bella!!

    RispondiElimina
  4. Mi piace il tuo post "vecchia maniera"
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ho tanto bisogno sai?
      grazie un abbraccio a te

      Elimina
  5. Wunderschön und wunderbar lecker sind die Bilder!!!
    Liebe Grüße,
    Manuela

    RispondiElimina
  6. In effetti quello che più apprezzo nei blog è la verità che i contenuti e le immagini emanano.
    Solo le immagini vere,le foto scattate con l'iphone senza filtro, intrise del disordine creativo e i visi ripresi da vicino con le rughe, sono quelle che ci parlano di più.
    Un forte abbraccio,
    Donatella

    RispondiElimina