essere madre

19 gennaio 2016


Di ritorno da Parigi,  con la valigia all'ingresso e il silenzio ho provato a riordinare quello che avevo da fare. Lo appunto sempre su blocchi speciali, con lo spazio per spuntare. Sono i miei souvenir preferiti: uno nuovo ad ogni viaggio. Scorro con l’indice e insieme ai miei impegni trovo i promemoria della sua piccola vita: il bottone da riattaccare, la giustificazione per scuola. Lei è qui, mescolata a me in punta di dita come zucchero burro e farina. Da quanto non balzavo di gioia al semplice pensiero di essere madre? Che tenerezza la vita capace di mandar via la nostalgia con una lista di cosa da fare!


22 commenti:

  1. Irene cara, non ci sono parole…
    Giulia

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ti saluto anche qui.....questa è' poesia...baci Anto

    RispondiElimina
  4. Grazie per ricordarmi cose importanti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me ne dimentico anche io di queste cose importanti ma è anche un po’ il bello : quando ti vengono in mente godi il doppio... Mai sottovalutare un alita di cose da fare!

      Elimina
  5. Le tue parole sono magia ,fatta di piccole cose ,un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonella !
      un abbraccio a te

      Elimina
  6. Non vorrei commentare, non sono parole da commentare, ma voglio ringraziarti.
    Daniela

    RispondiElimina
  7. Non vorrei commentare, non sono parole da commentare, ma voglio ringraziarti.
    Daniela

    RispondiElimina
  8. Essere madre è un grande dono...sempre! Ti abbraccio💕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo fortunate. Chissà come sono grandi adesso i tuoi

      Elimina
  9. Quanta dolcezza nelle tue parole!Ilaria

    RispondiElimina
  10. Belissime è importante parole!!!!! Grazie:))))

    RispondiElimina
  11. Come sono vere queste tue parole, e sai che spesso ci penso anche io? Vivo di liste e in ogni lista ci sono loro, sempre, in ogni mia cosa ci sono! Un abbraccio frilloso

    RispondiElimina
  12. "Da quanto non balzavo di gioia al semplice pensiero di essere madre?" e basta da sola ad essere poesia! Perché mi emoziona, perché tremo di gioia al pensiero di esserlo, perché mi confonde ogni suo sguardo segreto e ogni suo riso così spensierato e queste tue parole le sento tanto mie. 4 anni e mezzo che volo con lei e non mi stancherei mai, vorrei fosse un volo eterno il nostro, muse di moderni Chagall.

    RispondiElimina