Come seccare le ortensie.

6 novembre 2015

Pensavo che esprimersi fosse uno svago da dopolavoro. Ero divisa e non lo sapevo. Io e una responsabile me. lei, la responsabile, aveva spazio anche nel mio armadio, un guardaroba tutto suo. Metteva i miei maglioni nel cassetto e andava a lavorare in twin set. 


Collezionavo immagini e ritagli di giornale e per star bene mi bastava stare a guardare. Lo straordinario accade sempre altrove. Grazie a Dio ero felice, abbastanza da concedermi un po’ di follia: sposai il mio amore ancora studente e in attesa di partire per il militare. Detti vita alla mia casa: per testata un vecchio portone e un mobile lavato con la soda come guardaroba non era facile esser capiti allora. Brillavo di gioia e nessuno aveva il coraggio di prendermi in giro tranne i miei amici perché loro potevano e posson dir tutto. Era il 7/7/2001, il giorno delle nozze e per posta alle 14 abbiamo ricevuto il regalo più grande : il congedo dal militare. 
La fortuna aiuta gli audaci. 

Lasciai il lavoro, mi ripresi l’altra parte di armadio e da allora, se vedo qualcosa di bello, provo a farlo accadere. E' possibile tutto, anche far vivere anche un fiore senz’acqua. 
Lo straordinario accade qui.


Ho seccato le ultime ortensie due settimane fa. Di solito accade a metà Settembre: giro per i cespugli con le mie cesoie e recido con un taglio netto le infiorescenze non ancora appassite. Questo fiore da il meglio di sé sul finire, la sua sfumatura è pallida ma ancora forte e deciso a restare. 

Come Simonetta docet tolgo le foglie dal gambo (di solito lungo una ventina di centimetri) e dispongo in vasi con poca acqua le Hydrangea Arborescens Annabelle e le Hydrangea aspera. Mentre lascio le Hydrangea macrophylla direttamente nei cesti o nei vasi avendo cura che non sia pressate tra loro. In pochi giorni le mie “nappe” diventano croccanti. E’ una delle poche cose che riesco a fare : se fosse una ricetta l’avrei messa in basta poco. 

Se non sapete riconoscere che tipo di ortensia è quella del vostro giardino fate come me guardate un catalogo online di qualche venditore io ho trovato questo 

26 commenti:

  1. Penso a che peccato sarebbe stato perdere questa te.
    Silvia S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla l’ho fatta fuori :) adesso tocca sorbirsi questa me

      Elimina
  2. non sono audace è per questo che non riesco a cambiare? devo rimanere sempre così?!?!
    ……bellissimo post…..
    Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Ste. difficile impossibile rispondere a una domanda come questa. Se non cambi, è perché scegli: forse va già bene quel "così"

      Elimina
  3. Risposte
    1. non so perchè ma immagino la tua storia molto simile...

      Elimina
  4. Bellissimo racconto, mi ha commosso! Perché in quell'immagine della "te" che collezionava ritagli e si accontentava di guardarli rivedo tanto di me. Sono contenta che tu sia stata audace. E che oggi ci regali queste ortensie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e mi auguro che presto lo sia ance tu

      Elimina
  5. Sei una persona straordinaria Irene, coraggiosa e caparbia.
    "...se vedo qualcosa di bello, provo a farlo accadere": cerco di imparare e spero di trovare un po' del tuo coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovalo trovalo che ne abbiamo tutti bisogno :)

      Elimina
  6. Questa, quella, perchè scegliere? Ti abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  7. Quando c'è qualcosa di bello in giro,lo trovo da te!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lorenza, grazie anche per la foto dei pancakes

      Elimina
  8. adoro leggerti....te lo dico sempre.....ed ogni volta mi stupisco....e mi dico ma quanto e' speciale...sapessi come mi fai sentire bene...io sono innamorata del tuo modo di fare e del mondo che hai creato e delle sensazioni magiche che sai trasmettere...mi porto dietro tutte le posizioni degli oggetti, le parole, gli angoli, i dettagli del tuo mondo e mi sento fortunata a poterne godere....se pure non avessi avuto la fortuna grande di vivere il Valdirose venendo mi sarei sentita comunque fortunata ad averti scoperta in quel lontano 2007 ( era quello l'anno dell'inizio, vero?).....ogni tua parola e' un dono...il buono che c'e' in te e' un regalo prezioso....un angolo in cui rifugiarsi...lontano da tutto cio' che buono non e'...continua a scrivere e a fotografare....e a parlarci di te....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Rossella tornare al blog è stato in parte merito di chi come te mi da grande stimolo
      un abbraccio forte

      Elimina
  9. Ciao , prima vorrei dire tanti complimenti, hai un blog bellissimo, molto interessante con le foto stupende. Ti ho trovato poco tempo fa allora ancora ho tanto da leggere. Devo seccare ortensie come hai scritto con poca acqua, anno scorso ho fatto diversamente,ho seccato subito in cantina, ma peggiorato il colore dei fiori. Tantissimi saluti e buon weekend

    RispondiElimina
  10. bellissimi...tu e tutto quello che ti circonda e che fai vivere!

    RispondiElimina
  11. grazie irene grazie di cuore devi essere una persona veramente speciale perchè quello che hai scritto solo pochi possono custodirlo dentro. spero veramente di cuore di poter venire con la mia famiglia presto a valdirose. un'abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore a te
      ti aspetto
      Irene

      Elimina
  12. Proprio stamani guardando il tuo profilo Ig ho pensato: Irene ha una magia dentro, tutto quello che tocca si trasforma in bellezza, sorpresa, stupore. Sai ridare vita anche a dei fiori secchi, in cui la maggior parte delle persone vede solo quello che non c'è più. Grazie per esserci, un abbraccio e buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per questo messaggio. un abbraccio a te

      Elimina
  13. complimenti irene per il tuo blog, lo seguo da anni e che dire...sei una fonte d'ispirazione per me...ho preso il tuo libro e ce lo contendiamo io e mia sorella. ad un amica l ho prestato e l ha ordinato subito. non sono solo ricette, è un libro che parla dal cuore ai cuori di tutti i lettori...brava ancora...
    daniela dal blog (infusodiriso.wordpress.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Daniela, non sai quanto felice mi fai.
      Irene

      Elimina