scegliere

26 giugno 2013


felicità è scegliere ciò che desideri diventare
l'ho capito guardando le immagini del compleanno di un bambino speciale ed ora le giro a te anche se ormai sei un uomo, Amore

Buon compleanno doudou 





estate

22 giugno 2013


 Ho rubato qualche immagine dalla mia pagina di Facebook per festeggiare l'Estate
che per me si concentra in un abito, nei suoi piedini, nelle pesche e nei mercatini brocante 
(anche se in questo caso dovrei parlare di brocanteur : sempre e solo lei , la mia Daniela, )
e poi per dirvi grazie per l'affetto di cui , vi sembrerà strano, non sono mai certa ed invece arriva e sorprende ogni volta. 


Valdirose Press: Corriere della sera

19 giugno 2013


Un pasto cucinato e mangiato per risolvere una discussione , un bicchiere per brindare o una merenda da portare a scuola come fosse un pezzo di mamma : la felicità, a volte, sta in un ingrediente da scegliere come le compagnie: poche e buone. 
I miei ingredienti preferiti sfilano sui banchi e mi conquistano stagione dopo stagione. Ne ho preso ed ora ve lo regalo qui.

p.s. Angela Frenda, la giornalista che mi ha intervistato per il Corriere della Sera, l'ha rivelato a sorpresa ma io ce l'ho stampato in testa da tempo : Sta per uscire il mio libro, un libro che celebra questo piccolo e concreto straordinario di cui spesso parlo. E' vero, è incredibilmente vero.

Vero tanto quanto il fatto che , grazie a Dio, una torta fatta per una figlia è una buona notizia da stampare gigante sul giornale. 







Angela ha girato anche una video ricetta qui. 


Queste le ricette più richieste

Victoria sponge di Bea 

200g farina
16g lievito
una bustina di vanillina
200g burro
200g zucchero extra fine
4 uova

Crema di mascarpone
500ml panna liquida
500 g mascarpone
2 cucchiai zucchero a velo

fragole intere per decorare
per la riduzione
300g frutti di bosco
6 cucchiai di zucchero

Cominciate preparando la base. Accendete il forno a 180°. Setacciate la farina con il lievito e la vanillina. Amalgamate il burro ammorbidito con lo zucchero fino a raggiungere un composto spumoso. Aggiungete una per volta le uova. Unite infine gli ingredienti secchi. Versate metà del composto in un una teglia rotonda imburrata ed infarinata. Infornate e cuocete per 25 minuti circa. Sfornate e raffreddate su una gratella. Pulite lo stampo , imburratelo ed infarinatelo di nuovo e procedete alla cotture a dell'altra metà del composto. In questo modo otterrete due dischi di uguale altezza. 
(Raddoppiando le dosi di questa base potete giocare a creare più altezze come nella foto: in questo caso ho fatto una base senza dividere il composto ed una seconda base dividendo in 2/3 ed 1/3 il composto)
Mentre la basi si raffreddano preparate la crema al mascarpone. montate la panna molto fredda con 2 cucchiai di zucchero a velo . Mescolate in una terrina il mascarpone scaldandolo e rendendolo morbido. Unite con delicatezza la panna al mascarpone.
In una padella saltate i frutti di bosco con lo zucchero finchè quest'ultimo non si scioglie.
Componete la torta farcendo il primo strato con un sottile strato di composta ed un'abbondante dose di crema al mascarpone (affinché la crema rimanga bianca , con un cucchiaio depositate sopra la composta una bella dose di crema e spalmate con un coltello a lama piatta). Coprite con la seconda base e farcite come prima.Terminate coprendo il 3° strato con la crema di mascarpone ed una pioggia di fragole fresche alternata da qualche piccolo frutto della composta.

Sangria alla fragola 
(per 2 bicchieri)

mezzo limone tagliato a fette sottili
120g fragole tagliate longitudinalmente 
360ml di Sauvignon bianco o Chardonnay 
60ml di rum bianco
200ml di soda al limone
4 fragole per decorare

In una brocca unite il rum ed il sauvignon. Aggiungete le fragole tagliate ed il limone e lasciate macerare per 2 ore in frigo. Filtrate. Al momento di servire unite la soda al limone (fresca) ed aggiungete ad ogni bicchiere ghiaccio e fragole fresche a pezzi.

vorrei per te

10 giugno 2013


sere di pensieri felici da fare prima di dormire, quelli facili che, se te le figuri, ti torna il sorriso anche al buio. Qualcosa di tuo da raccontare a tavola la sera, da usare come brindisi o come collana per fartici bella. Se ti senti sicura sali sulla sedia come quando eri piccina oppure dille sottovoce ma ricordati, amore, che a volte sono poche, le parole: te lo dice la mamma che non sa parlare e spesso vorrebbe essere stata in silenzio.
Vorrei per te
ti insegno un trucco che ho scoperto l'altra sera. Scegli bene chi hai davanti e non servirà essere eloquente: ciò che vale davvero, non ha parole da dire.

Vorrei per te

mai te

8 giugno 2013



Quelle piccole piccole fatte di gesti quotidiani come i bacini sulla nuca di mia figlia e quelle grandiose come un tramonto che non si lascia descrivere e dimenticare; quelle che sorprendono e quelle che confortano. Ho perso il conto delle cose rendono bella la vita. Di certo, fra tutte, non dimenticherò mai te.


un io speciale

4 giugno 2013

Ci sono giornate in cui si riesce a sentire lo straordinario che c'è intorno: un profumo, un sorriso o un grido di gioia arrivano proprio dove devono arrivare, là dove c'è un io speciale, quello sempre felice, che guarda suo figlio e dice 'mannaggia che capolavoro', che guarda il mondo e dice 'mannaggia che capolavoro', quello che mangia ciliegie e cocomero e brigidini e ripensa "mannaggia che capolavoro"...


La mia insegnante delle elementari mi diceva che questo era Dio:  ed ora capisco perché quando accade sembra di essere  paradiso. 







Bea si è raccomandata di postare queste foto :) Grazie Mago Pallonio!


Alcuni altre  preparativi su ig