contenta

10 dicembre 2013


Il cielo bianco, il tuo piccolo pigiama da ripiegare quando è ancora caldo e due vecchie foto che sembravano perse: mi piacciono le mattine come questa, se ci penso rido da sola, son contenta... ma quant’è bella questa parola? Noi toscani la usiamo spesso.


Ecco il mio unico buon proposito per l’anno nuovo: insegnarti la contentezza. Sembra poco in confronto alla felicità ma per chi ne è colmo, è tutto. Come questo dolcetto che riempie il cucchiai appaga le voglie nella misura perfetta. Buona giornata piccola donna.

per 16 cucchiai

50g burro
un uovo ed un tuorlo
50g zucchero
50g farina
la scorza di un limone
un cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale

Accendete il forno a 200°. Fondete il burro.Setacciate la farina ed il lievito insieme. Con una frusta montate le uova con lo zucchero ed il sale, unite gli ingredienti secchi setacciati continuando a girare con la frusta ed infine il burro fuso.Unite la scorza del limone ed amalgamate.Ungete con un po’ di burro i vostri cucchiai adagiatevi sopra un cucchiaino di impasto ed infornate, Infornate avendo cura che la conca del cucchiaio risulti orizzontale .(io mi sono servita di una pirofila di vetro:  ho appoggiato il manico al bordo e la conca del cucchiaio al centro.) La cottura è molto rapida in circa 14 minuti potrete già sfornare i vostri cucchiai.

30 commenti:

  1. Irene, che foto!!!! Sabato c’ero ma non mi sono presentata, ho acquistato anche un libo per esserti più vicina, la prossima volta sarò più coraggiosa.
    Elena V.

    RispondiElimina
  2. Ire... sei una medicina per l'anima!
    Ti abbraccio...
    Etta

    RispondiElimina
  3. Penso che chiunque possa imparare ad essere "contenta" osservandoti … fortunata lei e chi ti circonda che riescono ad assaporarti ogni giorno!
    Il tuo esser Contenta è contagioso Irene
    ti abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  4. Tutto meraviglioso scatti parole e soprattutto i valori. Grande Donna!! Buona settimana

    RispondiElimina
  5. Ma che bellissima idea questi cucchiai Irene! Voglio provare a farli!
    Come sempre splendide immagini e splendide parole!

    Un abbraccio
    Francy

    RispondiElimina
  6. Cara Irene, queste immagini abbinate alle tue parole mi rendono molto contenta. Vorrei leggerti di più: ti apro ogni mattina e quando ti trovo salto di gioia!

    p.s. anche io sono passata ma tu non c’eri! Ci vediamo presto
    Annabella

    RispondiElimina
  7. Trabocca.
    Lo uso spesso in quel di Como.
    Ma arriva da lontano.
    Lo impari dai grandi, ed è bello poterlo esprimere a parole: oggi sono contenta.

    RispondiElimina
  8. Quanto può essere semplice esser contenti ce lo insegni ad ogni tuo nuovo post..il segreto e' racchiuso in un cuore che si apre al mondo ed alla sua bellezza contenuta in ogni piccola cosa, il tuo, grazie Irene.
    Fabrizia

    RispondiElimina
  9. mi ci riempirei le guance come i criceti fino a scoppiare di quel tuo dolce cosi' caldo e colorato nella foto....che meraviglia leggerti!

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Buongiorno anche a te dolce Irene :)

    RispondiElimina
  12. contenta io di aver visto di persona la tua gioia e ... di questa bella ricetta! grazie bacioni

    RispondiElimina
  13. piccola perla! sarà il libro dell’anno e questo post lo conferma!
    Ele

    RispondiElimina
  14. La felicità è un battito di ali, la serenità - o la contentezza - invece è un cuscino morbido su cui riposare, senza paura che ci venga tolto...
    Quando il sole sparisce, ecco dove va: dentro i tuoi cucchiai...

    (a presto...)

    RispondiElimina
  15. La felicità e la contentezza non sono poi così diverse, possono avere la stessa durata, ed entrambe stratificarsi nel tempo diventando condizione semi permanente. Quando mi vieni a trovare non so se sono più felice, più contenta, o entrambe le cose! Ogni tanto mi chiedo se ci conosceremo mai dal vivo, penso che sarebbe proprio bello.

    Un abbraccio

    Viviana

    RispondiElimina
  16. Essere contenti significa riconoscere la bellezza nelle piccole cose, tu lo sai fare e lo dimostri con le tue parole e le tue immagini, saprai sicuramente insegnare la contentezza a tua figlia!
    Francesca

    RispondiElimina
  17. Buonisssssimi......appena sfornati! grazie Irene, un bacione. Ciao Lidi

    RispondiElimina
  18. Grazie un bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
  19. Grazie per aver condiviso la ricetta. Io certamente provare. Cordiali saluti!

    Rebecca

    RispondiElimina
  20. Que c'est beau ce gris si élégant !

    RispondiElimina
  21. Riflettendo mi pare che si usi poco dire "sono contento" perché ha qualcosa di semplice, di essenziale, fa pensare ad una persona che apprezza ciò che ha, le piccole cose (e quelle grandi), i dettagli, questo è un periodo di paroloni, ma io quando passo da te leggo e alla fine sono davvero contenta,
    ti abbraccio,
    Daniela

    RispondiElimina
  22. Ultimamente uso spessissimo: sono felice... più o meno è la stessa cosa! Ed insegnare ad essere felici è la migliore azione che potremmo fare!
    Buona serata Irene cara!

    RispondiElimina
  23. Ma quant'è bello essere contenti...
    Lelia

    RispondiElimina
  24. Io ho sempre timore a essere contenta e quindi spesso vivo al 90 per cento l'attimo della contentezza..
    ricetta segnata!

    RispondiElimina
  25. è un idea elegante, bella e golosa al tempo stesso, e che bele le tue foto!
    ciao Marina

    RispondiElimina
  26. Mi piace tanto il tuo proposito. Come il cucchiaio che appaga le voglie nella misura perfetta.:-)
    Idea originale e tenera il dolcetto nel cucchiaio... me ne vado con sorriso sulle labbra.
    Grazie

    RispondiElimina
  27. Io sono contenta quando riesco a fare qualcosa per rendere più accogliente la casa, perchè è un modo per dire a chi mi sta accanto: ti amo! E circondarlo di bellezza...

    RispondiElimina