Valdirose press: Singulares magazine

30 luglio 2013


Se fosse per me qui ci sarebbe anche un caffè, un negozio di fiori e brocante , al pomeriggio i bambini verrebbero a fare merenda chiamerei gli anziani del centro sociale e li metterei insieme : i piccoli leggerebbero libri i grandi racconterebbero storie. Dopo le colazioni farei passare chi ha bisogno a mangiar gratis  il ben di Dio che avanza, la sera proietteri un film sulla parete di casa dei miei genitori e me lo guarderei con i piedi sulla panca mangiando gelato con chi vuole passare di qua.

Vorrei fare di tutto vorrei fare di più ma ho solo un B&B perchè sono in Italia . Ogni idea ha una legge contraria,non sia mai che tu possa trarre vantaggio da un'ispirazione o da un' opera di bene.

A volte l'adoro a volte mi fa arrabbiare tanto questa nazione che sarebbe un pozzo d'oro di pasta e d'amore. Vince sempre l'amore e penso che se rimango e provo a cambiare un giorno mia figlia dirà "la mia mamma era una dura che quando era duro il gioco è rimasta a giocare"

Capirete il significato che ho dato alla sorpresa gradita ed inaspettata di questa mattina: un articolo sul Valdirose con le mie foto ed i testi di Marta autrice di Transito Inicial. La mail di questa mattina mi dice : "Via, si riparte! Oggi è sicuramente un buon giorno!"

Il mio articolo parte da qui ma vi lascio tutta la rivista perchè vale la pena Singulares Magazine


56 commenti:

  1. Anche nei momenti di difficoltà tu riesci a tirare fuori la grinta. Brava Irene sei d'esempio per tutte noi! Io sono partita sto male ma non riuscirei mai a tornare: l'Italia fa incazzare anche i santi!
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è dura , in effetti ... confrontandomi con il resto del mondo tutti i giorni a volte mi sembro ridicola quando racconto come viviamo si mettono tutti a ridere

      Elimina
  2. no, tu non hai "solo" un b&b,tu hai "anche"un b&b meravigliosa Irene
    un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  3. Condivido quanto ha scritto Silvia C... Tu sei forte Irene e soprattutto magica (vero Bea?)... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Eri, in effetti attraverso la Bea mi sento sempre un po' meglio!
      Ire

      Elimina
  4. Una meraviglia di paese il nostro...dove però sembra che neppure i sogni possano più avere un futuro..
    Sempre bellissimo il tuo Valdirose!
    Lelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) è difficile guadagnarsi anche il paradiso! ::)

      Elimina
  5. nessuna legge può fermare il cuore e qualcosa si può cambiare...tu hai già cominciato e tua figlia
    (insieme a tantissimi altri) non potrà che essere orgogliosa di te!!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessuna legge può fermare il cuore... bellissimo

      Elimina
  6. L'Italia è un paese meraviglioso ma purtroppo la burocrazia tarpa le ali .... ti capisco Irene, tante volte mi sento un pochino in gabbia!
    Buona giornata
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tutte nella stessa gabbia :(

      Elimina
  7. E quel che è peggio è che mentre a noi la burocrazia tarpa le ali e uccide i sogni, ci sono sempre i furbetti che riescono a fare quello che gli pare, senza nessuna regola, impuniti.
    A poche decine di metri dalla mia amica che si occupa di bomboniere, sweet tables ecc., una fiorista si è messa ad occuparsi anche di queste cose, ma naturalmente senza licenza alimentare. E niente, nessuno fa nulla, nessuno dice nulla. E la mia amica è comunque destinata a perdere clienti, inevitabile in un piccolo paese.
    Per fortuna che, come ci dimostri tu ogni giorno, le cose belle un piccolo buchino dove infilarsi lo trovano sempre. Un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooo mi dispiace tantissimo... questo è il lato ancora più amaro.
      Un abbraccio da qui, un buchino dove mi infilo spesso

      Elimina
  8. Ciao Irene capisco la tua rabbia ma pero' va bene cosi',anche nel nostro piccolo quel poco di bene che si puo' fare e' pur sempre una grande cosa....complimenti il tuo tocco graziato e speciale si vede ovunque....PRESTO VORREI FARMI UN REGALO .....VENIRE DA TE......

    Un abbraccio Anto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io ti aspetto... un abbraccio a te

      Elimina
  9. eh Irene sfondi una porta aperta, sai il mio da quanto attende un permessino piccolo piccolo e io sono pronta... ma da me nemmeno la porta aperta si può lasciare...dopo tre anni... i palazzi antichi poi..è terribile, e pensare che io in Germania ci stavo così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' dura , è dura. Capisco , a volte, chi si arrende... Ma noi no , vero?!

      Elimina
  10. Continuavo a passare,ero un po' in pensiero Guarda Irene che la rabbia (ben gestita) può essere molto salutare perchè ci da a volte la carica necessaria Come ormai sai i miei anni non sono pochi, ho qualche "pallino", cose del tipo senso civico, giustizia, rispetto per cose e persone, generi non molto frequentati, tu non hai idea di quante telefonate, lettere, mail io abbia mandato per far valere e miei diritti con tutta la rabbia necessaria
    Continua così che vai benissimo!
    Un abbraccio dolcissimo,
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela, sto cercando di trasformarla in energia , se ci riesco ...

      Elimina
  11. Sai Irene ne parlavo proprio mezz'ora fa'quindi con me sfondi una porta aperta...ADORO E STRAAMO il mio paese ma qua' i sogni costano cari e per una sognatrice come me e' dura. Mi hanno detto che cammino troppo per aria e che mi devo rassegnare...puo' darsi,ma nel mio piccolo non smettero' MAI di sognare.Sono contenta anche di trovarti un po' arrabbiata stamani...perche' dimostri che chi sogna non e' una pappamolla !!! Un bacio e.....presto voglio venire a fare merenda da teeeeee! Io porto la nutella!!! Monica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ci metto il pane allora ti aspetto sono certa che sarebbe indimenticabile!

      Ire

      Elimina
  12. Quanto è vero Irene, qui non si puo' fare niente! si annega nella burocrazia, nell'idizia più completa e nella pressapochezza della gente..... possibile che non si possa far godere di una colazione che non ne ha? bisogna buttare tutto per forza? e mi piace anche l'idea del film sulla parete di casa, io sarei accanto a te con i piedi per aria e il gelato in mano! succederà mai tutto questo in Italia, potrà mai succedere?
    mi intristisco se si penso,
    un bacio
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. virtualmente godiamoci questo film sotto le stelle.

      Elimina
  13. Cara Irene, tu hai perfettamente ragione..ne so qualcosa..non ti sto a raccontare le peripezie per aprire il mio semplice negozietto on-line, ci sono voluti mesi! Mi rendo sempre più conto che ovunque nel mondo le cose sono più facili che da noi..ma sai cosa ti dico? Che chi un ha sogno non può e non deve assolutamente mollare!!! Così andiamo avanti e facciamo tesoro delle piccole gioie di tutti i giorni ;)
    Un bacio
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Negozio... non oso immaginare ne ho avuto per otto anni ed ancora mi sogno le follie che ho dovuto sopportare

      Elimina
  14. Cara Irene, non arrenderti!!!
    E' vero, il nostro paese cerca di tarparci le ali, ma fuggire non servirà a cambiarlo. Hai tanta grinta e forza, riuscirai a sconfiggere la burocrazia!
    Un abbraccio, Marta

    RispondiElimina
  15. Già...sarà per questo che amo tanto gli Usa...
    che ne so...se una mattina là ti svegli con la voglia di cucinare qualche pizza in più nel tuo forno a legna e la sera aprire le porte di casa tua per permettere a chi vuole di godere di quella prelibatezza, dell' atmosfera di casa tua..bè...lo fai, punto e basta.... qui invece...apriti cielo!
    Però è il nostro paese e gli vogliamo bene, non è vero? Nonostante tutto e nonostante tutti questi burocratici legiferanti che non ne sanno proprio un tubo e che non gli vogliono bene per niente..ecco.
    Forza...quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare e di solito...ce la fanno.
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fra, non è detto che alla fine non punti altrove ma per ora provo qui

      Elimina
  16. Irene, condivido pienamente il tuo spirito combattivo.
    La mia ''piccola battaglia' quotidiana è tentare di far capire alle persone che si incontrano, i vicini, il cartolaio, l'imbianchino, la panettiera, la parrucchiera che oramai bisogna lasciare perdere le piccole furberie individuali, la cura del proprio piccolo orticello, tanto gli altri chiessene....solo così riusciremo a far cambiare mentalità a questo nostro pazzo Paese invecchiato e incastrato in antichi pregiudizi che non hanno più senso... Solo con la cultura rinnovata del rispetto della persona e con tanto buon senso potremo rialziarci fieramente. Ognuno deve fare la sua parte! Forza chi s'arrende, è perduto....
    Un abbraccione, donatella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene , ed aggiungo un grande errore italiano è la paura di far guadagnare gli altri.

      Elimina
  17. In italia calpestano i sogni!!!
    Come vorrei un Italia fatta solo di belle persone come te
    e tantissime altre (per fortuna) che leggo in rete!!!!!
    Baci Giò

    RispondiElimina
  18. chi semina bene... raccoglie meravigliosamente bene!!! ogni volta che vedo delle foto del Valdirose mi sembra di esserci stata, sono così famigliari per me... vorrei esserci il 20/10 ma Sarah non mi risponde!!!
    :(°°°
    Sono sicura che tu ce la farai in ogni nuova avventura che vorrai cominciare hai una forza dentro .... Grande Ireneeeee!!!!
    Forse, anzi senza forse, il nostro paese HA bisogno di tante Irene… effettivamente l’Italia è un pozzo d’oro chissà perché ci facciamo sfuggire dalle mani tante piccole grandi cose, troppa burocrazia da una parte e troppo superficialità dall’altra… povera Italia!!!
    Anch’io voglio sedermi su una seggiolina scomoda portata da casa (non le hai per tutti, vero?)e vedere il film proiettato sul muro… a mò di Nuovo cinema Paradiso….
    Besitos
    May74

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come non ti risponde?! che sia già completo? mah...
      comunque sì proprio a mo' di nuovo cinema paradiso: adoro!

      Elimina
  19. Se il tuo b&b avesse tutte le cose che sogni, ti avviso, mollerei davvero Roma e verrei stabilmente da te! E magari aiuterei a gestire la parte cinematografica... :D
    Cavilli burocratici, mentalità ristrette e intoppi di legge non fermeranno comunque il tuo spirito, le tue idee, la tua grinta... per quel che puoi, fai già tanto... e tutti, chiunque ti incontra e ti conosce, ti adora... perchè sente che quello che fai è mosso dal sentimento più nobile: l'amore... che vince, è vero, se ci credi e sai trasmetterlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora mi impegnerò ancora di più per farti mollare Roma e venir a a gestire la parte cinematografica, ma nel frattempo ho messo in forno quella nostra giornata e la guardo lievitare...

      Elimina
  20. Non mollare mai !! Hai idee stupende e così poetiche.
    Bacii

    VAle e Sabri

    RispondiElimina
  21. Scusate per la curiosita' ma cosa succedera' il 20/10????
    Si puo' partecipare??? Oddio e' proprio vero il detto che la curiosita' e' donna????? Baci Anto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sarà il corso di tecnica shabby :) ancora non l'ho scritto perchè temo sia già completo però.
      Se sei interessata al corso prova a scrivere a Sarah la sua mail è questa: sarahtognetti@yahoo.it
      se sei interessata a dormire o colazionare ;) : irene@valdirose.com

      Elimina
  22. ciao, mi hanno commossa le tue parole e mi sono piaciute molto, mi è sembrato di tornare a leggere la pagina di un libro che ho adorato di Francis Mayers "sotto il sole della Toscana" dove la sua casa non era un B&b ma una casa da aprire agli amici. La parte del libro che vorrei riportarti è troppo lunga da scrivere nei commenti, ma l'ho riportata nel mio post di oggi dedicato a te . Il libro apre il cuore al lettore come hai fatto tu con questo post. Io sono una sognatrice e ho sognato immaginando ogni tua parola e vivendola come l'hai descritta.
    Non mollare, non smettere di sognare, e spero di chiamarti presto per dirti di mettere sù il caffè che sto arrivando.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Monica aspettami per bramasole, mi raccomando!

      Elimina
  23. Grazie Irene adesso provo ad inviarle una mail!!!!! Anto

    RispondiElimina
  24. E' bello leggere questo post... io vivo sempre tra il mio mondo fatato e la dura realtà e alla fine stacco dal quotidiano e mi metto a guardare il soffitto, con una tazza di the tra le mani e mi metto a sognare il mondo ideale, quello che mi renderebbe felice oltre ogni possibile pensiero... ma non sono l'unica. Ed è bello saperlo.
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
  25. Se fosse per me...io sarei sempre lì da te, perchè mi sentirei comunque sempre a casa...
    Ti capisco, ti capisco molto bene!
    E ti stimo, molto. :)
    Baci
    Sara C.

    RispondiElimina
  26. sono di gia' diversi anni che dico "Peccato..."
    peccato non dar voce a chi la ha,
    peccato non dar testa a chi la ha.

    E tu ti puoi anche permetettere di arriabbiarti!!
    ma ti puoi anche permettere di camminare a testa alta, orgogliosa di te stessa per gia' il bene che fai nel tuo piccolo.
    Guarda quante anime felici qui per te .. con te!!

    baciooo!
    Lau

    RispondiElimina
  27. ahhh!
    Il Singulares Magazine .. si commenta da solo..
    Occhi luccicanti io!!

    abbraccio il mio solito..
    Lau

    RispondiElimina
  28. Ciao Irene, sono d'accordissimo: qui l'imprenditorialità è stroncata sul nascere, l'entusiasmo soffocato dalle scartoffie, il coraggio tramutato in incoscienza. Mi viene già male quando i miei bimbi dicono di voler mettere su un banchetto per vendere limonate: t'immagini se arriva un accertamento della finanza?
    Per ora cerco di resistere, ma voglio provare ad educare i miei figli ad una vita più...cosmopolita, in cui la felicità non conosca frontiere...ma è 'na parola riuscirci!

    Felice estate, saluti a tutti.
    Silvia

    RispondiElimina
  29. Bonjour, J'ai un peu de mal à comprendre tes articles car c'est en italien et moi je suis en France et ne parle pas ta langue (bien que je sois d'origine italienne !!) avec google traduction ce n'est pas terrible !! Mais j'ai adoré le magazine que je ne connaissais pas du tout et je te dis un grand merci pour nous avoir permis de le feuilleter en entier, j'ai adoré beaucoup de chose et plus particulièrement ton article car j'aime le style, l'ambiance qui s'en dégage et les couleurs. C'est super vraiment ! Je te souhaite une belle journée, à bientôt pour d'autres articles.
    Laëtitia

    RispondiElimina
  30. Se fosse per me ti lascerei fare tutte le cose che hai in mente! Se dipendesse da me smetterei di sognare"altrove" e inizierei a semplificare le cose per permettere a chi come noi sogna di realizzare qui in Italia progetti e idee... Capita spesso di fermarmi sentendo dentro un senso di sopraffazione, capita spesso di ripartire alla grande sostenuta dal mio "incosciente ottimismo" e dal mio osservarti... Ire, se molli tu son perduta!! Pronti, partenza, viaaa.....

    RispondiElimina
  31. Mia cara,in quel "solo" c'è tutta la tua generosità nell'offrire,tutta la tua sollecitudine nell'anticipare,tutta la tua accuratezza nell'immaginare i nostri desideri....in quel SOLO ci stiamo anche noi,spettatori,un po' partecipi della magia che custodisci e che sai sapientemente elargire....non voglio pensare che cosa riuscirai a fare quando realizzerai i tuoi sogni...una meraviglia da imparare...grazie Irene e Buona Estate....

    RispondiElimina
  32. Cara Irene,
    mi dispiace leggere la tua amarezza ma la capisco e so anche la tua tenacia alla fine pagherà.
    Anch'io come te, rimango QUI, per continuare a giocare...
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina