estate

25 agosto 2012


Il silenzio del mondo in vacanza ha amplificato ogni suono

ed ho avuto voglia di scrivere sui fogli per sentire il mio lapis sibilare
 di guardare in basso invece che sempre in alto

ed ho avuto anche un po' voglia di guardarmi dentro
non troppo però perchè sennò alla fine mi perdo il resto


16 commenti:

  1. IRENE,MA CHE MERAVIGLIA QUELLA TOVAGLIA CON SOPRA QUELLA ALL'UNCINETTO.MI RICORDA QUELLE CHE MI FACEVA MIA NONNA....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) è un copriletto del mio corredo anche a me piace molto anche come tovaglia

      Elimina
  2. Dolce Ire, in sottofondo il silenzio di questa mattina d' estate e la tua compagnia! Mi guardo dentro anch'io senza perdere di vista quello che mi circonda, grazieee! Mi vengono in mente due A ~ Amicizia- Amore

    RispondiElimina
  3. A leggerti, ogni volta mi vibra l'anima...
    Grazie :)

    RispondiElimina
  4. Leggo il primo commento con risposta e rido perché quando ho visto le foto ho pensato "quella tovaglia all'uncinetto assomiglia tanto ad un copriletto che era di mia mamma e che ora è mio" hi hi. Adrialisa

    RispondiElimina
  5. Silence is such a beautiful background to live in. Love your words.
    And ah... the hiss of pencil on paper, I need to re-indulge in that music too.

    RispondiElimina
  6. SSSS...voglio sentire anch'io il tuo lapis in queste sonnacchiose giornate di fine estate!
    Grazie
    Lorenza

    RispondiElimina
  7. Guardare in alto o in basso, dentro di sè o verso gli altri, l'importante è guardare e non lasciare che tutto scorra senza la nostra attenzione
    Un abbraccio a te con tutto il cuore,
    daniela
    Dimenticavo di dirti che in quanto a copriletti, tovaglie come quella della foto non sono messa male, mi piacciono tanto

    RispondiElimina
  8. e' quel sibillio del tuo lapis che oggi nn mi va via dalla mente e dal cuore..
    ed il silenzio e' il miglior amico di noi stessi.
    abbraccio speciale.

    RispondiElimina
  9. Hai questo modo di dire cose speciali con frasi molto semplici, che lascia chi legge senza parole.




    Giulia @Giules.

    new post on http://giulesss.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. capisco quando dici che se ti guardi troppo dentro poi non vedi il resto, io tendo a fare lo stesso a volte....
    Post etereo e delizioso...

    RispondiElimina
  11. Un'ottima estate,Irene...
    Un abbraccio.
    Laura@RiceverconStile

    RispondiElimina
  12. E' quasi commovente pensare a quanta compagnia ci hai tenuto questa estate attraverso i tuoi quadri di vita...questo e' davvero bello esprime tutta la voglia che si ha spesso di rimanere un po' da soli con una penna e un tavolo che possa raccoglire i nostri pensieri...riesci sempre a coccolare anche la mente attraverso il uo gusto inconfondibile fatto di piccoli dettagli che arrivano al cuore...la finestra in lontananza e' una poesia ci racconta la canicola estiva quando anche le persiane si addormentano e aspettano il refrigerio che tarda a venire..le finesre sono occhi che sembrano guardarci dentro come quando nelle gite scolastiche sul pullman si cercva di indovinare cosa nascondeva la luce della finestra di passaggio...qui sicuramente racchiude il tuo mondo fatto di piccole cose che contano non sai quanto..grazie irene. mariannamillefiori

    RispondiElimina
  13. In queste giornate di silenzioso estivo ogni rumore fa riflettere! Ed hai ragione , non a lungo.
    Felice estate, quel che rimarrà.
    Angela

    RispondiElimina
  14. solo il silenzio ci fa apprezzare tutto il bello che c'è intorno...
    nunzia

    RispondiElimina
  15. adesso ho capito perchè poi, mi perdo tante cose!!! visto che sono sempre a colloquio con me stessa!!!bella anche per me la coperta tovaglia del corredo che, anch'io ho ricevuto in dono dalla nonna, dalle prozie.

    RispondiElimina