a mangiar cocomero

29 agosto 2012


 il bello della frutta di stagione è proprio questo:
ogni anno ti godi una prima volta 
ed ogni anno celebri l'ultimo boccone

una vera goduria 


sento questo mondo che inizia a "brulicare" : 
quanti rientri, quanti viaggi, quanti cambiamenti
 in confronto, qui, il mio tempo sembra cristallizzato 
... su una panca a mangiar cocomero ...

18 commenti:

  1. I luoghi"magici"sono sempre fermi nel tempo!
    Buona giornata
    Mari

    RispondiElimina
  2. C'è posto per me su quella panchetta? Ti racconterei una storia...

    RispondiElimina
  3. Ahi come mi mancherà il cocomero quest'autunno...

    RispondiElimina
  4. Io amo la parola 'cocomero'... Penso sempre ai giorni in spiaggia col ragazzo che lo vende... Cocobello, cocobello si sente gia da lontano! Che ricordi...

    Un saluto dalla germania

    Claudia

    RispondiElimina
  5. li senti anche tu i passi in soffitta?
    stanno /stiamo tornando....
    chissà quante cose nuove fresche
    quanta energia....

    io vengo a trovarti ( che non c'entra nulla ma io vengo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si energia cose nuove e fresche :)))
      aspetto le novità o forse semplicemente te

      Elimina
    2. e io arrivo con una sacco di racconti...

      Elimina
  6. Quanta verità in quel che scrivi, c'è sempre una prima volta e l'ultimo boccone. Riti che si ripetono negli anni.
    Le foto sono stupende e danno proprio l'idea dell'estate!
    Ciao Cri : )

    RispondiElimina
  7. Oh come mi piace qui, mi piace tutto il magazine le foto tutto tutto....grazie per seguirmi su pinterest! a presto =)

    RispondiElimina
  8. Sai che alla prima ciliegia della stagione, offertami dal ragazzo della bancarella al mercato,
    mi è venuta la pelle d'oca? Conservo un vecchio articolo di giornale, al momento non ricordo di chi, ma è uno scrittore non un giornalista, proprio sulla presenza della frutta sui banchi come se si fossero annullate le stagioni e su quanto perdono coloro che rincorrono le pesche a dicembre e via così Bisogna che lo cerchi, poi ti dico anche di chi è, adesso mi siedo accanto a te e mangio un pochino del tuo cocomero, grazie, un abbraccio,
    Daniela

    RispondiElimina
  9. Ogni qualvolta si assaggiava un nuovo frutto, mia nonna diceva: frutt nuv ind'a la vende.....Spirt Sand ind'a la vende. ( frutto nuovo nella pancia.....Spirito Santo nella mente). Anche io percepisco il succedersi delle stagioni, accogliendo con gioia i nuovi frutti, ovvero il dono del tempo. Mi piace ricordare mia nonna in questo modo.
    Fiorella cea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le nonne... son tutte storie da ricordare

      Elimina
  10. ¡Exquisita la sandia y preciosas las imágenes!
    Besos
    Piola

    RispondiElimina
  11. Ogni frutto ha la sua stagione diceva mia nonna e al momento del suo arrivo,mentre lo assaporavi per la prima volta,dovevi esprimere un desiderio..chiudendo gli occhi lo faccio ancora e l'ho insegnato alle mie figlie..!ciao

    RispondiElimina
  12. in un libro del mio bimbo esiste la fata dell'inverno.. che cristallizza tutto in un candido manto bianco.
    Io fuori dalle pagine di un libro ho la fortuna di conoscere la Fata delle Quattrostagioni. si chiama Irene ..
    da quando la conosco ha cristallizzato i miei pensieri piu belli grazie ai suoi.
    ....

    RispondiElimina
  13. Non riesco a ritrovare l'articolo di cui ti ho parlato ma mi è tornato alla mente il nome dello scrittore Carlo Castellaneta, proseguirò la ricerca, un abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  14. mi piacerebbe ascoltare le vostre storie: tu, Gaia e Anna che sto imparando a conoscere!! bacio

    RispondiElimina